“Dietro ogni impresa di successo c’è un progetto per il futuro”
Questo lo slogan scelto per l’edizione della ripartenza.

Presentata l’edizione 2021 a Palazzo del Pegaso.
È aperto a start up, imprese private, in forma singola o aggregata, e persone fisiche, con sede o residenza in Toscana.

Si articola in quattro sezioni: Start Up Innovative; Ricerca, Sviluppo e Innovazione Digitale; Brevetti; Sostenibilità Ambientale.

Il riconoscimento riserva due premi in denaro per ogni sezione: 15mila euro per il primo e 5mila per il secondo classificato. È inoltre previsto un premio speciale di 5mila euro riservato al miglior progetto realizzato da un’impresa giovanile, presentato in una qualsiasi delle suddette sezioni.

“Si può scommettere sul futuro, le migliori idee per la ricerca si devono trasformare in valore per il territorio”, sostiene il presidente Mazzeo. “La Toscana ha tutte le caratteristiche per diventare la capitale dell’innovazione europea. Abbiamo grandi Università e centri di ricerca avanzati, ma abbiamo anche imprese che sanno leggere l’evoluzione del tempo che viviamo. Oggi abbiamo una grande sfida davanti a noi: disegnare la Toscana del 2050. Serve un grande patto tra istituzioni, locali regionali, nazionali, imprese, Università”.

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche Maurizio Bigazzi, presidente di Confindustria Toscana, Fabrizio Bernini, presidente del Digital Innovation Hub Toscana, Silvia Ramondetta, presidente del Comitato Promotore del Premio e Orazio Figura, amministratore Unico di Sviluppo Toscana, società in house della Regione, che svolge attività di gestione dei bandi.

“Il Premio Innovazione è un importante stimolo che il Consiglio Regionale ci ha proposto – dice Bigazzi, presidente di Confindustria Toscana – e che abbiamo raccolto con impegno ed entusiasmo per sottolineare la centralità della ricerca e dell’innovazione per le imprese e per la società toscana.

Secondo il presidente di Confindustria, “innovazione e formazione sono due punti cardine su cui dobbiamo fortemente impegnarci. E come Confindustria Toscana lo stiamo facendo, anche accanto alle istituzioni”.

“Siamo lieti che il Consiglio Regionale e Confindustria Toscana abbiano voluto affidare al DIH Toscana l’organizzazione e la gestione di questo Premio – dice Bernini – Lo riteniamo prestigioso, perché capace di accendere i riflettori sulle imprese che vogliono emergere e rafforzare la propria competitività facendo leva sull’innovazione digitale, la sostenibilità ambientale e una nuova cultura aziendale pronta ai cambiamenti; temi sui quali il DIH Toscana lavora ormai da quatto anni per essere al fianco dei tanti imprenditori e dei giovani che scommettono sul loro futuro”.

Accelerare i tempi e semplificare le procedure, questo il nostro sforzo per il quale mettiamo a disposizione il sistema informativo di Sviluppo Toscana: tutte le domande verranno gestite in fase di istruttoria in modo informatico”, spiega Figura.

“Oggi, con il Premio Toscana Innovazione ci apriamo a tutte le imprese, tutte le start up innovative a tutti i giovani che scommettono sul loro futuro. Le eccellenze del nostro territorio ci sono e vanno fatte emergere” sottolinea Ramondetta.

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE I VIDEO DELLE DICHIARAZIONI, LE INTERVISTE, LE FOTO E TUTTI GLI ALTRI CONTRIBUTI DELLA CONFERENZA STAMPA TENUTASI A PALAZZO DEL PEGASO IL 1 OTTOBRE 2021